Posts Tagged ‘Williams’

Massa prolunga. Perché tanta fretta?

giugno 10, 2010  |  Formula 1  |  18 Commenti  |  Lascia un commento

Follia, una vera follia. La Ferrari, con una fretta che non si spiega in nessun modo, se non con delle allusioni a interessi sottobanco che non vale la pena di riportare qui, ha firmato per altri due anni Felipe Massa a far da spalla a Fernando Alonso. Si fermino qui tutti i tifosi del bravo brasiliano, qui non è in discussione il suo talento, ma la logica di una conferma troppo anticipata. Perchè farlo con tanto anticipo quando non c’era nessun rischio che Massa potesse finire da qualche altra parte? Felipe è bravo e veloce, ma con le squadre al top con già in mano piloti legati da contratti pluriennali, chi poteva fargli la corte trovando l’ interesse del pilota di San Paolo? Nessuno. Non la Williams, non la Sauber, non la Renault, non la Force india e nemmeno la Toro Rosso, tralasciando l’ipotesi delle squadre ultime arrivate e non certo ricche di fascino o di soldi. Quindi?
Con l’accordo biennale, in Ferrari si sono chiuse tutte le possibilità di cambiare qualcosa se il bilancio della stagione 2010 finisse per richiederlo. Infatti, al di là delle sue doti, chi può adesso dire che questa finirà per essere una stagione travolgente per Massa? Nessuno. Sì, è vero, adesso è messo benino in classifica ma sarà così anche tra quattro mesi? Se sarà così, ecco che in quella data si sarebbe potuto trattare il prolungamento del contratto, in caso contrario si sarebbe potuto scegliere un altro nome, magari un pilota che si fosse definitivamente proposto a suon di risultati. Kubica non avrebbe chiesto di meglio che correre per Maranello, ma anche altri al richiamo in rosso non si sarebbero mai tirati indietro.
Pertanto, eccole ancora qui le malelingue: perchè dietro una mossa così intempestiva (e mal digerita anche da tanti all’interno della squadra proprio per le ragioni su dette) possono prendere corpo soltanto cattivi pensieri. Tralasciando i sospetti di tresche legate all’ingaggio del pilota (un po’ a te, un po’ a me e un pochettino al diretto interessato), l’ipotesi più gettonata è che gli sia stato chiesto esplicitamente di giocare un ruolo di fedele gregario, di non portare via punti al suo più pagato compagno di squadra. Con patti chiari, la rincorsa al titolo potrebbe essere meno complicata di quanto si stia presentando adesso, e per non avere due scomodi galli nel pollaio modenese l’unica possibilità poteva essere quella di calmare le giuste ambizioni di quello che a Maranello è considerato il meno forte dei due. Io ti assicuro il futuro, tu non mi complichi la vita. Concetto brutale che però rende l’idea.
Ci potrebbe poi anche essere la possibilità che chi tira le fila in squadra sia convinto che il migliore sulla piazza sia proprio il brasiliano e che, prima che ce lo soffino gli altri, è meglio premunirsi. Ma c’è veramente qualcuno, anche su questo blog, convinto che lo si sia fatto per questo?

Tutto chiaro, anzi no

Tutto chiaro, anzi no

marzo 1, 2010  |  Formula 1  |  5 Commenti  |  Lascia un commento

Adesso che le prove sono finite e si farà sul serio nel primo Gran Premio della stagione, è già tempo di primi bilanci. Quattro lunghe sessioni di test su tre differenti circuiti in Spagna hanno messo in fila dubbi e certezze: si sa, per esempio, che le quattro squadre più accreditate saranno davvero in grado di battersi al più alto livello, si sa anche che mediamente l’affidabilità è molto alta e pure che sul giro secco anche Williams e Sauber potrebbero dire la loro.
Dati confortanti, insomma, per chi spera in una F.1 livellata in alto e con buoni motivi per gli appassionati si mettersi davanti al televisore per vedere come andrà a finire. Quello che invece non si è capito bene è se qualcuno ha barato (in senso buono) oppure no. E qui stanno le vere incertezze della vigilia.
Che la McLaren fosse velocissima lo si era anticipato su questo blog in tempi non sospetti perché le informazioni arrivavano da chi se ne intende ed era presente a Valencia. Nessuno però s’immaginava un Button così vicino nei tempi al formidabile Hamilton e questo è un bene perché ci sarà tanta incertezza in più essendo il neo campione del mondo uno di solito molto produttivo in termini di punti, di costanza e di strategia sul lungo termine.
Che la Ferrari fosse ad altissimo livello pure lo si era capito subito. Il passo è sembrato subito eccellente e anche se col passare delle sessioni di prova la superiorità si è un po’ affievolita, di sicuro le prestazioni della monoposto 2010 sono ben differenti da quelle deludenti dell’anno passato.
Ottima, come si prevedeva, anche la Red Bull, ma con qualche ombretta che non farà dormire sonni tranquilli ai suoi due piloti, Vettel e Webber, perché l’affidabilità è parsa la meno efficace del gruppo delle quattro big.
Infine la Mercedes, la squadra con più occhi addosso e con più misteri. Di test in test la prestazione è continuamente migliorata: i tempi si sono avvicinati a quelli dei migliori e l’affidabilità è parsa al solito al più alto livello. La sensazione di troppi osservatori attenti è però che Ross Brawn non abbia scoperto tutte le carte. Ogni volta che ci si aspettava un’uscita in pista a serbatoi vuoti per fare il tempo veniva sostituita da un test con carburante a bordo e il famoso retrotreno provvisorio è rimasto tale fino all’ultimo giorno. In Bahrein ci sarà davvero quello nuovo? E se sì, sarà efficace come quello di un anno fa? Ecco, il tarlo che buca i cervelli dei tecnici rivali si è già messo al lavoro e non lascia tranquillo nessuno. In più il vecchio Schumi non ha palesato cedimenti alla fatica, il suo ritmo di gara è parso quello dei bei tempi che furono e la parola finale rimarrà legata al mezzo che guiderà. Con quello visto in Spagna sarà sicuramente della partita, ma se sarà un pelo più sviluppato potrebbero invece essere dolori, e in fondo la vera curiosità sta tutta qui: la vera chiave per sapere se sarà un campionato equilibratissimo come tutti auspicano o sfacciatamente squilibrato come un anno fa. E forse Brawn e Schumi lo sanno già.

In F.1 fatte le leggi trovati gli inganni. È sempre stato così

aprile 15, 2009  |  Formula 1  |  7 Commenti  |  Lascia un commento

È finita come altrimenti non poteva finire, anche se da semplici spettatori è difficile stabilire se giustizia sia stata o non sia stata fatta. Semplicemente la storia era troppo intricata per uscirne diversamente. E non è la prima volta che la spunta chi ha saputo vedere più lontano in un mondo in cui i tecnici della Federazione sono pochi mentre quelli delle squadre tanti di più, e tutti a pensare a tempo pieno come aggirare le regolare per farla franca.

Oggi è andata bene a BrawnGp, Toyota e Williams, in passato sotto tiro ci sono state squadre di maggior blasone come Renault, Ferrari e McLaren, perché da sempre la massima espressione dell’automobilismo da corsa, la F.1, viaggia border line, caratteristica peraltro comune a tutti gli sport al più alto livello.

Le intuizioni di Chapman, il maestro inarrivabile di trovate geniali, ogni tanto la passavano liscia, altre volte venivano cassate, ma chi è senza peccato scagli la prima pietra. Poi, è vero, da sempre nel Circus c’è chi è più abile e chi lo è meno, chi ha la tendenza a farsi scoprire con le dita nella marmellata e chi la fa sempre franca. In un mondo di furbi il più furbo spesso vince. Brawn, che oggi è sotto tiro da Maranello, quando era in Ferrari era sotto tiro degli altri. Semmai chi rischia la beffa è la solita Toyota: tutti nel Circus la vorrebbero veder vincere almeno un GP per non correre il rischio che i giapponesi scappino via, e invece non ce la fa mai.

In febbraio tutti parlavano delle concessioni sul diffusore come di un chiaro aiutino ai jap, un boccone un po’ amaro da mandare giù nell’interesse generale. Una provvidenziale vittoria, si mormorava nel paddock, poi subito un pronto altolà nelle gare a venire. Invece si sono aggiunte la Williams e poi la Brawn e adesso tutto si è fatto più complicato: vince chi non doveva vincere, una frittata perfetta.

BrawnGP: tanti meriti, non solo sospetti

marzo 30, 2009  |  Formula 1  |  18 Commenti  |  Lascia un commento

Qualche considerazione dopo il GP d’apertura della stagione 2009 bisogna pur farla, e questo andando oltre la giornata manifestamente storta della Ferrari (vetture non velocissime e nemmeno affidabili) e l’inedito Hamilton in versione formichina, disposto ad accettare l’idea di un’auto decisamente fuori condizione cercando di prendere tutto quello che poteva venire, anche troppo alla fine.

Nel mirino, ovviamente, c’è la sontuosa prestazione delle monoposto di Ross Brawn, che presto sapremo se sono in regola oppure no anche se c’è da temere di sì perché il regolamento tecnico l’ha scritto lui assieme a Rory Byrne e se non lo interpreta fino in fondo chi lo ha pensato chi altro può farlo al meglio?

Al di là dell’estrattore sospetto, resta infatti impressionante come abbiano potuto, due vetture che hanno messo le ruote per terra appena quindici giorni prima del via, viaggiare a un così alto livello di competitività senza lamentare mai il minimo problema, fosse anche solo un bullone male avvitato o una panne elettrica. Diciamolo pure, Toyota e Williams, le altre presunte  monoposto irregolari, hanno lavorato per molto più tempo ma impressionato molto meno. Non c’è solo l’estrattore quindi, sotto la pelle delle BrawnGP.

Poi che Ross Brawn sia inglese fino all’osso, abile quindi a muoversi tra le pieghe regolamentari secondo una scuola che ha avuto a suo tempo in Colin Chapman il massimo maestro, non è una novità. Chi tira fuori adesso i precedenti sospetti ai tempi della Benetton ignora la lunga militanza in Ferrari dove, tra ali che flettevano e materiali a memoria di forma, non è che le discussioni siano state poche. Trovarlo ambiguo, dopo che per un decennio ha fatto davvero comodo, è abbastanza opportunistico.  Tanto di cappello, invece, per il suo capolavoro:  due vetture, affidate a piloti di buon livello ma non certo i più quotati del lotto, capaci di occupare la prima fila dello schieramento e i primi due posti sul podio.

A prescindere, avrebbe aggiunto il grande Totò.